lunedì 29 aprile 2013

Riccardo Bellofiore: La catastrofe della sinistra

 A tutti i compagni che si interrogano sul come sia stato possibile giungere al disastro attuale della sinistra italiana, e non solo, consiglio vivamente di "buttare" un'oretta del loro tempo per queste considerazioni a mio parere illuminanti...    -    27/mag/2012  -                                                                                                                              

giovedì 25 aprile 2013

domenica 14 aprile 2013

Il Movimento 5 Stelle - Michele Nobile - ...(e i forchettoni rossi)...

 «La guerra... Esportiamo la democrazia con una siringa. Come il botulino. Accettiamo parole senza significato: “guerra preventiva”, “pacificatori”... Ma stiamo scherzando? Ma quando dici che un mitragliere su un elicottero è un costruttore di pace, io divento pazzo. Perché non ho più parole per definire Emergency, Gino Strada, i Beati Costruttore di Pace, quelli veri. Io sono stufo di essere preso per il culo».                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Il testo di Grillo è del 2005. Chi l’anno dopo votò per le «missioni di pace» e i «pacificatori» elitrasportati e mitraglia-muniti oggi dovrebbe avere la decenza di tacere – a partire da Rifondazione e l’intera sottocasta dei Forchettoni rossi. Anche perché, se non fosse più disponibile a votare le «missioni di pace», non potrebbe neanche più considerare il centrosinistra come propria sponda politica, illudendo il prossimo di poterlo condizionare da sinistra.

Insomma, sia la sinistra sia il M5S hanno come orizzonte dell’azione politica un capitalismo «dal volto umano». Senza affatto negare la possibilità di conquistare riforme parziali che migliorino le condizioni di vita e di lavoro, ritengo sia una prospettiva sbagliata ma, in questo momento, non discuto di riforme o di rivoluzione in generale, bensì della natura del M5S e del significato del suo successo elettorale.

E dunque, la differenza tra i partiti post-Pci e il M5S si riduce al fatto che la «rivoluzione democratica» del secondo, a differenza della «rivoluzione civile» propugnata dai forchettoni rossi, è veramente un attacco frontale alla casta politica del regime postdemocratico italiano
, condotta da chi ha le carte in regola per farlo e che così è stato percepito da una parte importante dell’eletto
 Allora, se si mettono da parte le stupidaggini sul M5S «reazionario», «diversionista» o «criptofascista» si potranno definire meglio le contraddizioni nelle quali inizia a dibattersi insieme a una prospettiva politica che possa renderle feconde                                                                                                                                                                                                                                          L’oggetto di questo articolo è l’interpretazione corrente a sinistra del M5S e del significato dei risultati di queste elezioni. Tuttavia, le questioni cruciali non sono la valutazione di Grillo e del M5S, ma la caratterizzazione dell’involuzione dei sistemi politici contemporanei, la prospettiva circa i rapporti tra lotta sociale e rappresentanza istituzionale, la decisione se il centrosinistra è oppure no un nemico di classe, in quanto formazione politica dell’imperialismo italiano al pari del centrodestra, la coerenza etico-politica.                                                                      .http://utopiarossa.blogspot.it/2013/04/il-movimento-5-stelle-una-rivolta-nella.html

venerdì 12 aprile 2013

Quella morte di Stato dimenticata per decreto - Saverio Ferrari -

La pista anarchica imposta da Roma. È quanto emerge in un volume raccoglie documenti che attestano la presenza nella Questura di Milano di funzionari del ministero degli interni la notte quando morì Pinelli Sarà mai possibile indurre la magistratura ad aprire una nuova indagine sulla morte di Giuseppe Pinelli? Tutti gli spunti per farlo, in effetti, sussisterebbero, corroborati da testimonianze e documenti ora minuziosamente esposti in questo libro appena pubblicato di Gabriele Fuga ed Enrico Maltini, il cui titolo riprende una strofa del Lamento per la morte di Giuseppe Pinelli di Franco Trincale («È a finestra c'è la morti». Pinelli: chi c'era quella notte, pp. 168, euro 10, Edizioni Zero in condotta). Non una novità assoluta essendo tutti questi materiali da diversi anni giacenti presso i tribunali. Il fatto è che, grazie a questa lavoro di raccolta (Fuga è un noto penalista mentre Maltini, già nel 1969, faceva parte del circolo Ponte della Ghisolfa), sono stati adesso riportati alla luce, analizzati e resi pubblici. Molti nuovi elementi sono emersi dall'imponente mole di carte del cosiddetto archivio «parallelo», ovvero nascosto, dell'Ufficio affari riservati (Uar), scoperto nel 1996 presso una caserma dei carabinieri sulla circonvallazione Appia di Roma. Da esse si è appurato che almeno altre quattordici persone si aggiravano nelle stanze della Questura di Milano, la notte in cui Pinelli precipitò dalla finestra dell'ufficio del commissario Luigi Calabresi, al quarto piano. 
Indagini precostituite 
Chi erano? Perché nessuno ne aveva mai parlato? Qualcuno di loro era forse presente in quella stanza? Qualche risposta c'è già. Erano funzionari, alcuni di altissimo livello, dell'Ufficio affari riservati inviati dal ministero dell'Interno subito dopo la strage alla Banca nazionale dell'agricoltura. Avevano il potere di imporre ordini e decidere l'indirizzo delle indagini. Rispetto a essi i funzionari della questura erano «gerarchicamente dipendenti». Tra loro, anche Silvano Russomanno, all'epoca direttore della IV sezione, con un passato nella Repubblica sociale italiana e addirittura di volontario in una formazione tedesca, che secondo diverse testimonianze «prese in mano la situazione» imponendo «la pista anarchica». A supportare questa ricostruzione alcune deposizioni, rese tra il 1996 e il 1997, anche da parte di alcuni di questi stessi funzionari, ascoltati dai pm che indagavano sia su piazza Fontana sia su Argo 16 (nome in codice di un aereo dell'Aeronautica militare, utilizzato dai servizi segreti, precipitato, forse per un sabotaggio, nel 1973). 
Nelle loro parole la certezza di come, a ogni costo, ancor prima di qualsiasi indizio, vi fosse la decisione precostituita di incolpare gli anarchici per le bombe del 12 dicembre. Così Pietro Valpreda, così Giuseppe Pinelli, autentiche vittime predestinate.