domenica 30 dicembre 2012

Chavez: "le crisi in Siria e in Libia sono state pianificate e provocate...

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=mjZHUlyeK48

domenica 9 dicembre 2012

Comunisti, oggi. Il Partito e la sua visione del mondo. - Hans Heinz Holz.-

Dopo il crollo delle società socialiste in Europa orientale, fra molti militanti, ma anche tra diversi partiti comunisti, si è andata diffondendo una profonda insicurezza su cosa definisca l’essenza di un PC e su quali siano i compiti, che i suoi aderenti debbono porsi, se hanno da pensarsi, appunto, come comunisti. Le molteplici violazioni delle norme leniniste di partito avvenute nel passato hanno seriamente scosso la concezione di sé da parte dei militanti; e da molti son stati posti in discussione i tratti fondamentali di un partito leninista o di un PC di tipo nuovo. Questa insicurezza ha certamente contribuito a destabilizzare la struttura organizzativa di partito ed ha reso insicuro lo stesso comportamento dei militanti; come anche ha introdotto incertezza su come debba esser costituito il partito, in quelle situazioni dove si rendeva necessario formare nuovi partiti comunisti. Da tutto ciò nasce la questione di quali debbano esseri i centrali punti di vista a cui attenersi nella costruzione di un partito e per la definizione del suo lavoro organizzativo. Insomma, la questione è: cosa appartiene al concetto stesso di PC, una volta che un tale partito si desideri costruire? Quale deve esserne lo statuto e come deve realizzarsi nella vita stessa del partito? (...)                                                                                 La questione fondamentale per un PC, considerato in se stesso, è, in primo luogo, quale sia la particolarità, che lo distingue dagli altri partiti che, in contesti non socialisti, contribuiscono alla vita politica del paese: in cosa si differenzia da essi? Che cosa rende appunto comunisti gli aderenti di un PC? Su questo bisogna far bene chiarezza, posto che un PC non è una mera formazione elettoralistica...                                                                                                                    http://ilcomunista23.blogspot.it/2012/12/comunisti-oggi-il-partito-e-la-sua.html

sabato 24 novembre 2012

Vladimiro Giacché – Quattro errori sulla Cina


 Intendere quali siano le principali tendenze economiche in Cina è cosa tutt’altro che facile, a causa della mancanza di informazioni o – più spesso – della disinformazione consapevole che contraddistingue i grandi media quando si parla della Cina. In questo contributo esaminerò quattro luoghi comuni piuttosto diffusi sulla Cina, tentando di dimostrare che essi possono essere letteralmente rovesciati. Eccoli: 1. Lo sviluppo cinese è basato sull’export 2. I consumi individuali sono estremamente ridotti 3. Le produzioni cinesi sono produzioni labor intensive a basso valore aggiunto 4. La Cina è un turbocapitalismo                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           "È lecito ritenere che qui ci sia una lezione importante anche per noi. Questa lezione consiste
nell’indicazione  di  una  direzione  di  ricerca  cruciale  (non  teorica  o  non  solo  teorica,  ma
radicata nella prassi concreta): quella di un modello di società di transizione che vada oltre lo
“Stato senza mercato” (il modello che è crollato nel 1989), ma anche oltre il “mercato senza
Stato”. Quest’ultimo modello, quello dello “Stato minimo”, ma che quando fa comodo deve
mobilitare tutte le risorse economiche della collettività e porle al servizio del grande capitale
in difficoltà, è il modello che ha fatto fallimento nel 2007-2008. Le classi dominanti si ostinano
a riproporlo – e purtroppo con notevole successo - come “il” modello di società, pur avendo
perso  ogni  capacità  di  garantire  crescita  e  benessere  alla  grande  maggioranza  della
popolazione.  La  loro  forza  consiste  nell’apparente  assenza  di  un’alternativa  chiara  e
praticabile.  Dobbiamo  essere  consapevoli  che  soltanto  se  riusciremo  a  proporre  e  ad
affermare concretamente un modello alternativo di società potremo rompere il cerchio magico
creato dall’ideologia dominante. Non esiste un modello prefabbricato e bell’e pronto. Ma due
caratteristiche almeno di questo modello possiamo indicarle: 1) dovrà prevedere, almeno per
un  lungo  periodo,  la  compresenza  di proprietà  pubblica  e  proprietà  privata  dei  mezzi  di
produzione;  2)  il  potere  di  indirizzo  strategico  dello  sviluppo  economico  dovrà  essere  e
restare saldamente nelle mani dello Stato. 
Ad entrambi i riguardi l’esperimento cinese può esserci d’aiuto".                                                                                                                 Il contributo di Vladimiro Giacché è stato pubblicato nella rivista "Essere comunisti"                                                                                                                                                                      http://www.marx21.it/internazionale/cina/8012-quattro-errori-sulla-cina.html                                                                                          http://ilcomunista23.blogspot.it/2012/06/momenti-del-dibattito-sulla-nep-stefano.html                                                            http://carattericinesi.china-files.com/                                                                                                                                                       http://www.laboratoriolapsus.it/rassegna-stampa/come-sara-il-capitalismo-cinese/

mercoledì 21 novembre 2012

VARI SENSI DI ECONOMIA - Stefano Garroni -

La scienza economica (die ökonomiche Wissenschaft) non può vedere nell’indignazione morale, per quanto sia giustificata, nessuna prova, ma solo un sintomo. Suo compito è piuttosto vedere nell’emergente malessere sociale una conseguenza necessaria del modo di produzione imperante, ma anche contemporaneamente cogliere il segno dell’avvicinarsi della sua dissoluzione. L’economia politica come la scienza delle condizioni e delle forme, in cui producono e scambiano le diverse società umane ed in base alle quali vengono suddivisi i prodotti; l’economia politica, concepita in questa estensione, deve tuttavia ancora esser costruita. Ciò che fino ad ora impariamo dalla scienza economica si limita alla genesi ed allo sviluppo del modo capitalistico di produzione. Questa scienza comincia con la critica dei resti delle forme feudali di produzione e scambio, dimostra la necessità della loro sostituzione con le forme capitalistiche; sviluppa poi, nel loro lato positivo –ovvero nel loro corrispondere alle finalità sociali-, le leggi del modo capitalistico di produzione e delle corrispondenti forme di scambio; questa stessa scienza si chiude infine alla critica socialistica del modo di produzione capitalistico, ovvero con la esposizione delle sue leggi, ma dal loro lato negativo e, dunque, con la dimostrazione che questo stesso modo di produzione, in forza delle sue proprie leggi, raggiunge quel punto, che lo rende impossibile.                                                                                                                                                                                                                    http://ilcomunista23.blogspot.it/2012/11/i-vari-sensi-di-economia-stefano-garroni.html

La lunga storia di una crisi di sistema - Luciano Vasapollo -

«La crisi del capitale è sistemica e profonda, e sempre più si trasformerà in una crisi sociale senza precedenti. La storia non ha percorsi lineari ma procede con salti e rotture in funzione delle determinanti del conflitto sociale, basato su sempre nuove e più articolate relazioni sociali che modificano i rapporti di forza e che vanno indirizzati a favore del movimento dei lavoratori, con intelligenza tattica ma senza nulla concedere al capitale accettando impossibili ruoli di cogestione della crisi. Di esempi ne abbiamo tanti: dal progetto alternativo antimperialista, anticapitalista e di sistema dell’ALBA, fino a soluzioni legate specificatamente solo alla risoluzione del problema del debito, come ad esempio anche in Europa l’Islanda, che non ha avuto problemi a fare una scelta coraggiosa dichiarando il non pagamento del debito pubblico alle società finanziarie e alle banche inglesi e olandesi restituendo invece i soldi dei titoli pubblici ai piccoli risparmiatori ma non ai potenti. In America Latina ci sono stati casi di percorsi di default programmato, come l’Argentina che a inizio di questo nuovo secolo veniva data per spacciata, ha invece seguito un proprio modello di sviluppo nazionale sottraendosi dal cappio dello strozzinaggio dei potentati finanziari internazionali ed oggi è una potenza emergente. Per far tutto questo c’è bisogno di una virtù che oggi in Italia e in Europa fatica ad emergere, il coraggio politico di una sinistra di classe che scelga da subito il terreno conflittuale per la prospettiva dell’alternativa di sistema in chiave socialista»                                                                                                                                                                             http://www.controlacrisi.org/notizia/Economia/2012/5/19/22702-la-lunga-storia-di-una-crisi-di-sistema-scenari-e-proposte/

sabato 17 novembre 2012

Impressioni su Gaza di Noam Chomsky.

 Noam Chomsky ha visitato la Striscia di Gaza dal 25 al 30 ottobre 2012.
 Le storie personali aggiungono una vivida base al generale disgusto che si prova davanti all'oscenità della pesante occupazione. Un esempio è la testimonianza di una giovane donna che è disperata per il fatto che suo padre, che sarebbe stato orgoglioso che lei fosse la prima donna nel campo profughi ad avere una laurea, è "morto dopo 6 mesi di lotta contro il cancro, all'età di 60 anni. L'occupazione israeliana gli ha impedito di recarsi in un ospedale israeliano per curarsi. Ho dovuto interrompere i miei studi, il lavoro e la mia vita e restare seduta accanto al suo letto. Ci sedemmo tutti, compresi mio fratello medico e mia sorella farmacista, tutti impotenti e senza speranza guardando la sua sofferenza. E' morto durante l'inumano blocco di Gaza del 2006 con un quasi inesistente accesso al servizio sanitario. Penso che sentirsi impotenti e senza speranza sia il sentimento più letale che un essere umano possa provare. Ammazza lo spirito e spacca il cuore. Puoi combattere contro l'occupazione ma non puoi combattere il tuo sentirti impotente. Non riesci a cancellare quel sentimento"...                                                                                                                 http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=40578

giovedì 15 novembre 2012

IL NUOVO VERTICE DEL PARTITO COMUNISTA



                                                                                                                                             Xi Jinping è apparso sul palco sorridente, molto più sciolto e carismatico del predecessore Hu Jintao, e in una mossa inconsueta rispetto alla leadership precedente ha tenuto un discorso di quasi un quarto d’ora, nel quale ha dato il benvenuto ai suoi sei “compagni” e ha toccato vari temi, dalla corruzione al ruolo del Partito. Xi Jinping ha dichiarato che la Cina proseguirà nel percorso di riforme e di apertura. “La Cina deve conoscere meglio il mondo e il mondo deve conoscere meglio la Cina” ha concluso il nuovo numero uno di Pechino.                                                                                                                                                                    http://www.agichina24.it/in-primo-piano/politica-interna
http://www.agichina24.it/home/agenzia-nuova-cina/notizie/201211161321-cro-rt10103-il_discorso_del_nuovo_leader_xi_jinping                                                        http://xijinpinglookingatthings.tumblr.com/                                                                               http://carattericinesi.china-files.com/?p=3556

martedì 13 novembre 2012

Strike / Stachka – Sergei Eisenstein – 1925

    Primo lungometraggio di S.M. Ejzenštejn. Basato su due principi (le masse come protagoniste; rinuncia alla tradizionale trama narrativa), è, visto oggi, un affascinante film sperimentale di laboratorio, un brogliaccio più che un’opera compiuta e organica, ricco di metafore ora folgoranti per forza plastica, ora intellettualistiche e persino ingenue. Ma attraverso la sua frammentarietà s’intravede una struttura musicale più che narrativa in 3 tempi. Anni dopo Ejzenštejn riconobbe (spontaneamente?) che l’opera era affetta dalla malattia infantile dell’estremismo.                                                                                                                                                Osservando il film di Ejzenštejn, non ci troviamo di fronte alla storia di uno sciopero, bensì a un discorso sullo sciopero come forma di lotta politica e sociale, sulle contraddizioni che esso apre, sul tipo di reazioni che scatena. L’intreccio, si è detto, è assente; al suo posto abbiamo un “racconto” costituito da una serie di “quadri”, singoli episodi che non sono in relazione diretta fra loro, ma la cui caratteristica comune è il tema di fondo attorno al quale tutti ruotano: lo sciopero, appunto.                                http://www.controappuntoblog.org/2012/11/13/strike-stachka-sergei-eisenstein-1925/

mercoledì 31 ottobre 2012

L’IRAN, LA SUA POLITICA ESTERA E IL PROGRAMMA NUCLEARE

Il programma nucleare iraniano è un fattore di importanza primaria nella politica estera iraniana, derivante e direttamente legato sia alla percezione delle minacce esterne, sia a questa conduzione della politica estera da parte dell’ala più radicale del regime teocratico.
http://www.laboratoriolapsus.it/contributi/iran-politica-estera-e-programma-nucleare/                                  http://www.laboratoriolapsus.it/contributi/programma-nucleare-iraniano/                                                                                   http://www.laboratoriolapsus.it/contributi/israele-si-prepara-realmente-alla-guerra/

sabato 20 ottobre 2012

VI SPIEGO I PIANI DI CHI VUOLE PIU' EUROPA - Fabrizio Tringali

 Non si nomina mai Marx, ne si usano termini come socialismo, comunismo, lotta di classe, men che meno rivoluzione... Eppure è l'analisi più "Marxista" che mi sia capitato di ascoltare... Complimenti!                                                                                                                                               http://www.byoblu.com/post/2012/10/17/VI-spiego-i-piani-di-chi-vuole-piu-Europa.aspx 

domenica 14 ottobre 2012

Europa: menzogne sul debito pubblico La costruzione di un nuovo modello di stato di Giovanna Cracco

l’economia e la finanza sono ambiti specialistici che le persone comuni poco conoscono. Diventa dunque facile creare una ‘verità’: si formula un postulato – un’affermazione che, pur non essendo né evidente né dimostrata, viene considerata vera e posta come fondamento di una teoria deduttiva che altrimenti risulterebbe incoerente – e tramite l’informazione di palazzo (in Italia tutta la grande informazione) lo si diffonde. Una volta che ha sedimentato nel cervello dei cittadini, la strada per delineare il quadro teorico è tutta discesa.

Un Paese con un elevato rapporto debito pubblico/Pil rischia il fallimento, questo è il postulato. Segue il quadro teorico: i tassi di interesse sui titoli pubblici crescono, perché per investire denaro in un Paese a rischio default il mercato pretende di essere ricompensato con profitti maggiori; dunque, l’unica soluzione per uscire dalla crisi è ridurre il debito pubblico e così riconquistare la fiducia dei mercati.

I dati reali sono, per qualsiasi propaganda, il colpo di vento che fa crollare il castello di carte. Partiamo dunque da questi                                                                                                                                                                                                     .http://www.sinistrainrete.info/crisi-mondiale/2326-giovanna-cracco-europa-menzogne-sul-debito-pubblico.html

lunedì 27 agosto 2012

Uri Avnery, perche' Israele non attacchera' l'Iran

L'intellettuale pacifista israeliano spiega i motivi che, a suo dire, impediranno al premier Netanyahu e al ministro della difesa Barak di scatenare la guerra contro Tehran                                                                                                                                                                                                                                                                                              http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=33018&typeb=0

sabato 25 agosto 2012

Crescita cinese più lenta, con nodi strutturali da sciogliere... interessante articolo

il governo è consapevole che l’unica strada per preservare la stabilità sociale è mantenere cospicua la crescita economica e migliorare le condizioni di vita, non solo materiali, di gran parte della popolazione.Ciò detto, la Cina resta una vitale fonte di crescita globale e la sua rilevanza internazionale è destinata ad aumentare. Oltre a essere primo esportatore mondiale (10,4% dell’export globale nel 2011) e prima potenza industriale (21,7% della produzione mondiale) è anche un importantissimo investitore. Il dragone sta scalando la classifica dei paesi che generano i maggiori flussi di IDE in uscita, salendo nel 2010 al quarto posto (5,1% degli investimenti diretti esteri mondiali). Gli IDE realizzati dalle imprese cinesi sono in costante crescita, dai 10,2 miliardi di dollari nel 2005 ai 72,7 nel 2011, e sono per lo più indirizzati insettori di enorme rilevanza strategica per l’approvvigionamento energetico e di materie prime                                                                                                                                                                        http://www.agichina24.it/in-primo-piano/economia

mercoledì 15 agosto 2012

In marcia gioiosa e mai allineata

  Ma anche nella più aspra critica, rimane l'ammirazione per la rivoluzione e per i bolscevichi che si sono messi alla sua guida, e che certo non possono «pretendere di fare dei miracoli perché una rivoluzione proletaria esemplare e impeccabile in un paese isolato, esaurito dalla guerra, strangolato dall'imperialismo, tradito dal proletariato internazionale, sarebbe un miracolo».         Luxemburg sottolinea sempre che gli errori che denuncia - gravi e se non corretti forieri di peggiori sviluppi - sono in gran parte dovuti alle circostanze storiche, soprattutto alla colpevole ignavia della «socialdemocrazia di questo occidente altrimenti sviluppato (CHE) è composta di miserabili vigliacchi e lascerà dissanguare i russi, stando tranquillamente a guardare», come già scriveva nel novembre 1917 a Luise Kautsky.                                                                                                   http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/ricerca/nocache/1/manip2n1/20120811/manip2pg/10/manip2pz/327143/manip2r1/marcia%20gioiosa/

lunedì 6 agosto 2012

Le aporie del più Europa - Alberto Bagnai -

"Se come unica soluzione un economista esce a dire "vendiamo le nostre infrastrutture strategiche", cosa importa se c'è o ci fa? Evidentemente va contro gli interessi del paese e deve essere contrastato con fermezza e civiltà. Se questa affermazione derivi dal fatto che è pagato per farla o che (come credo) è semplicemente obnubilato, a me interessa poco. Dovrebbe interessare probabilmente un magistrato di qualche tipo, ma questo, ripeto, non riguarda me. Io mi attengo ai dati e ai fondamentali macroeconomici".                                                      http://goofynomics.blogspot.it/2012/08/le-aporie-del-piu-europa.html

giovedì 2 agosto 2012

BOLOGNA...

  http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/08/02/news/due_agosto-40214887/                                                                                                                                                               THE STATE TODAY IS ABSENT......

giovedì 26 luglio 2012

Passaparola - La crisi della Cina e la depressione mondiale - Aldo Giannuli

  http://www.aldogiannuli.it/                            http://www.agichina24.it/in-primo-piano/economia/notizie/fmi-peggioramento-eurozona-br-/mette-a-rischio-economia-cinesebr-

TERZOMONDIALIZZAZIONE: L’ ORDINE ECONOMICO-SOCIALE DEL XXI SECOLO

  Quando gli “ideologi” delle politiche di austerità dicono che “abbiamo vissuto e viviamo sopra le nostre possibilità”, questo è perfettamente vero, nella misura in cui i rapporti economico-sociali si svolgono nel libero mercato capitalistico. Infatti negli ultimi venti anni i lavoratori e i cittadini in genere (escluso quell’1 % più ricco) avrebbero già dovuto subire un forte impoverimento, ben maggiore rispetto a quello che comunque in parte si è già verificato (in realtà infatti le rilevazioni statistiche sui salari e sulla ripartizione dei redditi tra salari e profitti da capitale già sono indicativi di tale direzione): “lacci e lacciuoli”, sindacati, partiti interessati più alla “popolarità” e alle elezioni che agli “interessi generali” (cioè dei grandi capitali), hanno in qualche modo ritardato quelle “naturali” trasformazioni che ora sembrano arrivare di colpo.                    http://ilcomunista23.blogspot.it/2012/07/terzomondializzazione-l-ordine.html

Alistair Hulett and Jimmy Gregory Internationale

lunedì 23 luglio 2012

Il terrorismo anti-siriano e i suoi collegamenti internazionali di Bahar Kimyongür

 La NATO è del tutto coinvolta militarmente in Siria attraverso i suoi alleati arabi, ma anche, e soprattutto, tramite la Turchia che, secondo le dichiarazioni specifiche del primo ministro Recep Tayyip Erdogan, è un attore di primo piano nella realizzazione del progetto statunitense del Grande Medio Oriente, un piano che mira ad abbattere le ultime sacche di resistenza anti Stati Uniti della regione                                                                                                                     .http://www.comunistiuniti.it/?p=6765

domenica 8 luglio 2012

Gli scenari della crisi - Talk con Riccardo Bellofiore, Luca Casarini, D...

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 ">

domenica 24 giugno 2012

حركشة -GAZA

                                             Per il Presidente della Provincia di Roma e probabile futuro sindaco della capitale, "Israele è un modello da imitare". Una lettera della Rete Ebrei contro l'Occupazione.                                                                                                                                                                                                                                                              http://www.contropiano.org/it/news-politica/item/9857-per-zingaretti-pd-israele-%C3%A8-un-modello-da-imitare 

mercoledì 13 giugno 2012

Alberto Bagnai - Vasto 7/06/2012 -

http://goofynomics.blogspot.it/2012/06/i-debiti-delle-banche.html                                                                   http://goofynomics.blogspot.it/2012/06/mehr-europa-du-mut-es-dreimal-sagen.html 

Momenti del dibattito sulla Nep. - Stefano Garroni -

L’introduzione della Nep destò anche vive preoccupazioni tra compagni: questa svolta economica significa forse, - questa è la domanda, che angustia – l’abbandono della prospettiva socialista e un graduale ritorno al capitalismo?                                                                                                   Tra il capitalismo – nel quale i mezzi di produzione appartengono a privati e in cui il mercato regola le relazioni economiche - e il socialismo integrale, vale a dire un dirigismo economico e sociale, vi sono tappe di transizione: la Nep è una di queste.                                     http://ilcomunista23.blogspot.it/2012/06/momenti-del-dibattito-sulla-nep-stefano.html

lunedì 11 giugno 2012

La guerra dei mercati. Competizione, speculazione e interessi nella crisi dell’eurozona - Maurizio Donato - 09 Giugno 2012

Agitando lo spettro del default e nascondendosi dietro lo spread, Banca centrale, Consiglio e Commissione europea indicano  modalità e tempi di un attacco al salario, diretto, indiretto e differito, nonché ai diritti delle persone che vivono di lavoro. In questo modo la crisi del capitale si svolge in crisi del e contro il lavoro anche se la riduzione del salario, che conta politicamente, non è sufficiente a far ripartire l’accumulazione.(...) alcuni Stati, il cui debito pubblico già considerevole in livelli assoluti è peggiorato e di molto anche relativamente al Pil, vedono riconoscersi dai mercati e dalle loro agenzie di rating un premio inversamente proporzionale al rischio che invece viene segnalato come fortissimo per outsiders della scena internazionale come la Grecia. (...) Un’altra possibile spiegazione invita a considerare la possibilità che il ritiro dalle obbligazioni denominate in euro sia un comportamento strategico messo in atto da soggetti che hanno inteso in questo modo scaricare sui paesi europei più deboli il peso maggiore dell’aggiustamento seguito alla crisi bancaria - immobiliare  il cui epicentro si è verificato negli USA.                                                                                                                          http://www.economiaepolitica.it/index.php/europa-e-mondo/la-guerra-dei-mercati-competizione-speculazione-e-interessi-nella-crisi-delleurozona/

domenica 10 giugno 2012

Sulle nazionalizzazioni. - Stefano Garroni -

  La parola d’ordine leninista, per un verso corrisponde a una
necessità obiettiva, ad un bisogno reale di tutti coloro che hanno a
che fare con le banche (in questo senso non è una parola d’ordine
immediatamente anticapitalistica), per un altro verso, si tratta di
una parola d’ordine, che è sollecitata dalla sua stessa natura ad
allargarsi ad altri ambiti, fino ad assumere un carattere certamente
anticapitalistico.
E’ proprio questo tipo di parola d’ordine, che riceve il nome di
obiettivo transitorio e non di obiettivo intermedio.                                                              http://ilcomunista23.blogspot.it/2012/06/la-nazionalizzazione-delle-banche.html

Auferstanden aus ruinen - Nationalhymne der DDR

sabato 9 giugno 2012

UNA POLEMICA NON SOLO “FILOSOFICA” “NUOVO REALISMO” E “PENSIERO DEBOLE - ENRICO GUARNERI - L’estensore di questo articolo sulla possibile, auspicabile, prevedibile morte della filosofia del debolismo e della postmodernità dichiara esplicitamente di essere spudoratamente di parte.”

 “gli anni del postmoderno hanno coinciso con l’affermazione di una ideologia non solo pervasiva, ma anche subdola perchè si è presentata come il suo contrario, come la risposta alla fine di ogni ideologia o più o meno grande (…) in sostanza la politica, seguendo i dettami di questa ideologia (...) ha decretato la supremazia dei mercati, nel frattempo sempre più globali (...) questa ideologia [è]  ormai nota come neoliberismo”.     - G. CAPECELATRO  -                                                                 http://www.cassandrarivista.it/index.php/dibattiti/                                                                                                                           Allora, nella folla sterminata di coloro che — senza saperlo e anzi spesso negandolo — sono convinti di conoscere verità assolute, si trovano anche gli uomini dell'Occidente, per i quali la verità assoluta e incontrovertibile dominante è che le cose del mondo mutano col tempo; e son giunti a mostrare (nel sottosuolo del nostro tempo) la necessità che tutte le cose mutino, nascano e muoiano, quindi a mostrare che non esiste alcuna verità immutabile se non quella che afferma il divenire e il travolgimento di ogni cosa e di ogni verità. -Emanuele Severino -                                                                                                                                            http://networkedblogs.com/y4nts

venerdì 8 giugno 2012

Ciao Carla...

La ripresa americana - Aldo Giannuli -

 si sta profilando un nuovo crack bancario di vaste proporzioni e forse peggiore del precedente. E peggio ancora ove si consideri la debolezza del sistema bancario europeo: ogni banca ha obbligazioni delle altre in un intreccio inestricabile di crediti e debiti, cosi che il crollo di ciascuna pone le premesse per quello dell’altra in un inarrestabile effetto domino. Naturalmente è possibile calmierare un po’ le cose con nuovi gettiti di liquidità (l’unica cura che i governi occidentali conoscono, compresi i tedeschi, avarissimi con gli stati ma assai prodighi con le banche, perché anche loro hanno qualche gatta da penare con la Commerzbank). Ma su questo conviene essere chiari: questo genere di interventi servono solo a “comperare tempo”, buttando in avanti la palla,  ma non possono andare avanti in eterno e, nell’attuale sistema finanziario, finiscono per porre le premesse per la successiva ondata di crisi: il denaro vuol essere costantemente remunerato e, se non finisce in attività produttive, ma in investimenti finanziari,  chiede nuovi interessi, quindi produce debito allargato. La liquidità di oggi è solo la premessa per i nuovi debiti di domani.                                                        http://www.aldogiannuli.it/2012/06/la-ripresa-americana/#more-2153

giovedì 7 giugno 2012

I debiti delle banche? - Alberto Bagnai -

 le banche hanno prestato troppo (in Spagna il loro attivo è aumentato di una novantina di punti di Pil dal 1999 al 2007), quindi hanno necessariamente prestato male (perché gli impieghi produttivi sono limitati ed esistono i rendimenti decrescenti), quindi ora sono fragili e rischiano il fallimento. Le banche falliscono perché è esploso il debito privato, il quale è esploso perché loro hanno deciso di finanziarlo. Chiaro? I 90 punti di Pil in più di "crediti ai settori residenti" in Spagna sono 90 punti di Pil in più di debito privato. Il debito privato (cioè i crediti delle banche, la componente principale del loro attivo) in Spagna nel 2007 era il 197% del Pil. Il debito pubblico era il36%.                                                                                      http://goofynomics.blogspot.it/2012/06/i-debiti-delle-banche.html

martedì 5 giugno 2012

Seminario Circuitismo/MMT: R. Bellofiore. "Marx, il circuitismo, e le cr...

Questa è una grande crisi strutturale che può durare almeno un decennio, se non più. Allora, si deve rispondere su quella scala: da noi, con una politica europea di rifinanziamento dei disavanzi, con la mutualizzazione del debito pubblico europeo, con politiche espansive di domanda che si accompagnino a una modifica del lato dell’offerta, della composizione della produzione, ossia quanto, cosa e come produrre. Una vera e propria socializzazione degli investimenti, delle banche, della occupazione. È quando il capitalismo fallisce che bisogna avere il coraggio di provare a unire le lotte europee e di proporre una sfida programmatica forte. Se non ora, quando? (...)  Né, aggiungo, la fase keynesiana dei 30 anni dopo la seconda guerra mondiale è finita perché la destra liberista si è organizzata, fatto vero e documentabile: il keynesismo è crollato innanzi tutto per le sue contraddizioni interne e per una critica pratica ‘da sinistra’. E non ne sento nostalgia. A essere criminale è il sistema capitalistico, non i singoli individui che, come scriveva Marx, sono ‘maschere di carattere’. (...) Nominare il nemico’ è nominare il capitalismo come struttura di classe. Per capirci, otterremo delle riforme decenti solo quando si tornerà a lottare contro il capitalismo.                                                                                 http://www.abruzzoweb.it/contenuti/crisi-bellofiore-leuro-non-va-no-complotto-si-lotta-sociale/478032-2/     http://www.criticamarxista.net/articoli/5_2011bellofiore.pdf

domenica 27 maggio 2012

Bertolt Brecht - Dello Stato



Me-ti diceva: Al tempo di Mi-en-leh e di Ni-en l’opposto dello Stato dei padroni delle fucine non era l’assenza di Stato, bensì uno Stato dei fabbri. Al posto dell’oppressione dei fabbri subentrò non l’assenza dell’oppressione, ma l’oppressione dei padroni delle fucine. E siccome nessuno è libero là dove qualcuno è oppresso, anche i fabbri non erano ancora completamente liberi.

Saltavano sempre fuori certuni che avevano stretti legami con lo Stato a sostenere che non vi era più oppressione. Venivano sempre confutati, non soltanto da coloro che odiavano lo Stato in ogni forma, ma altresì da coloro che comprendevano la necessità dello Stato dei fabbri per distruggere e sostituire lo Stato dei padroni delle fucine. Saltavano sempre fuori certuni che attaccavano lo Stato anche se opprimeva i padroni delle fucine, ma nessuno sapeva proporre una forma di organizzazione della produzione che non assomigliasse a uno Stato.

Me-ti rideva di coloro che anche per questo stadio sostenevano che il singolo fosse libero o addirittura più libero che mai. Diceva: Sia che si dica che è meglio non essere liberi in un buon paese che esserlo in uno cattivo, sia che si dica che prima si era liberi di fare ciò che danneggiava i più, ora si è liberi di fare ciò che giova ai più; qualsiasi cosa si dica, non si può dire che si è liberi. È questa l’epoca in cui le grandi collettività dei produttori ricevono la loro forma legale.

Allora il compito dell’individuo è quello di inserirsi per prima cosa nella collettività. Solo più tardi potrà essere utile tornare a separarsene. Certo, anche l’inserimento non deve ora cancellare l’individuo, né la separazione dovrà poi spezzare la collettività.

L’individuo è messo alle strette da ogni parte, deve dappertutto cedere, mollare, rinunciare. Libere sono diventate le collettività, che adesso si possono muovere.

Me-ti odiava i funzionari. Ma ammetteva di non poter scorgere altra via per liberarsene dal trasformare tutti in funzionari.

Gli individui, diceva Me-ti pensosamente, avevano prima alcunché di prezioso, cioè erano come erano perché gli altri ne pagavano il prezzo. Se così erano piatti assai pregiati, d’altra parte avevano il loro prezzo. Il cibo ha il suo prezzo, questo però significa anche che essi furono divorati.

Da Me-ti Libro delle svolte

sabato 26 maggio 2012

Si inizia a parlare di "corsa alle banche", cioè della possibilità che si verifichi il ritiro massiccio dei depositi sui conti correnti da parte dei cittadini, spaventati dall'ipotesi di chiusura degli sportelli e dalla svalutazione sui risparmi, che a breve potrebbe far implodere il sistema monetario europeo.

MESSORA: Claudio, prima di lasciarti volevo chiederti il tuo scenario personale su come si evolverà questa crisi.

BORGHI: secondo me non abbiamo tanto tempo. Cioè il fatto già solo che si paventi la corsa agli sportelli e cose di questo tipo, mi fa pensare che prima o poi qualcosa di traumatico succederà. Quindi io sono discretamente ottimista, perché non è che se domani crolla anche in maniera inordinata l'euro o cose di questo tipo moriamo tutti. Si finisce questa pausa di incertezza e dopo si ricomincia a salire, insomma. Quindi penso che la fase di apnea sia vicina alla fine, perché non penso che la situazione attuale sia sostenibile ancora per molto tempo.


MESSORA: Quindi tu credi Grecia fuori dall'euro presto e Italia a seguire?


BORGHI: Grecia fuori dall'euro presto secondo me sì, più che altro perché noi gli dobbiamo pagare tanti soldi in questo momento di questo Piano Mashall e la gente non ha voglia di pagarli. Quindi anche qui stupidità su stupidità. Dall'altra parte la situazione italiana non lo so, ma mi auspico invece che prima o poi si sistemi in una maniera o nell'altra, o VOTATA integrazione tra i popoli e governo totale dell'Europa, mi andrebbe bene, ripeto, basta che mi fanno votare, oppure prima o poi usciremo anche noi.                                                                                                                                                  
                                                                                                        http://www.sinistrainrete.info/europa/2091-claudio-borghi-come-si-esce-dalleuro.html#top-toolbar-article

mercoledì 23 maggio 2012

La Siria al centro della guerra del gas nel Medio Oriente di Imad Fawzi Shueibi

 L’attacco mediatico e militare contro la Siria è direttamente correlato alla concorrenza globale per l’energia, come spiegato dal professor Imad Shuebi nel magistrale articolo che pubblichiamo. Nel momento in cui l’area dell’euro rischia di crollare, dove una grave crisi economica ha portato gli Stati Uniti a indebitarsi per 14940 miliardi, e se la loro influenza sta diminuendo di fronte alle potenze emergenti del BRICS, diventa chiaro che la chiave per la rivincita economico e il dominio politico risiede principalmente nel controllo dell’energia del 21° secolo: il gas. Poiché si trova al centro del più colossale giacimento di gas del mondo, la Siria è nel mirino. Le guerra del secolo scorso sono state per il petrolio, ma ora inizia una nuova era, quella delle guerre per il gas.                                                                                                      http://www.voltairenet.org/La-Siria-al-centro-della-guerra

sabato 19 maggio 2012

La Grande Esclusione

L’attuale corso degli eventi ci fa intuire che, se non si producono eventi traumatici che portino ad una reazione massiccia e violenta (sia in forma di guerra sia di rivoluzione), ci sarà un progressivo declino del livello di vita delle popolazione e se è sufficientemente graduale la gente si adatterà alla nuova realtà, perdendo rapidamente la memoria e/o la consapevolezza che in altri tempi le nuove condizioni di vita sarebbero state inaccettabili. Non è nulla di insolito: negli anni 30 del secolo passato una nazione avanzata e colta come la Germania è stata capace di abbracciare, una parte con entusiasmo e un’altra parte sottomessa e messa a tacere, una aberrazione come il nazismo. Se il nazismo avesse provato ad ascendere di colpo nel 1930, la società tedesca avrebbe reagito in massa cacciandolo per sempre dalle istituzioni. Tuttavia un corso graduale degli eventi ha modificato in modo tale le regole e le aspettative sociali che quello che nel 1930 sembrava barbarie è stato accettato come logico e naturale, di buon grado o per forza, nel 1933.  E se si guarda in prospettiva storica quei quattro anni non sono nulla, sono un sospiro. Sono essenzialmente lo stesso tempo di durata della crisi in cui ci troviamo e che, come sappiamo, non finirà mai.                                                                                                                                           http://www.controappuntoblog.org/2012/05/19/la-grande-esclusione/

sabato 12 maggio 2012

Più Europa (e meno Spagna). O no? - Alberto Bagnai -

E una riflessione anche qui si impone, semplice, ma essenziale: come si può pensare che l’adozione di un metodo dichiaratamente non democratico possa condurre ad esiti democratici (o comunque “migliori” per una società democratica)?                                                                                                                        http://goofynomics.blogspot.it/2012/05/piu-europa-e-meno-spagna-o-no.html

giovedì 10 maggio 2012

Antonio Gramsci I giorni del carcere

Cazzi nostri!...

“Il capitalismo di Stato sostituirà quello del libero mercato” - Eric Hobsbawn -

«L’Urss ha tentato di eliminare il settore privato: ed è stata una sonora sconfitta. Dall’altro lato, il tentativo ultraliberista è pure miseramente fallito. La questione non è quindi come sarà il mix del pubblico con il privato, ma quale è l’oggetto di questo mix. O meglio qual è lo scopo di tutto ciò. E lo scopo non può essere la crescita dell’economia e basta. Non è vero che il benessere è legato all’aumento del prodotto totale mondiale».                                                           http://www.contropiano.org/it/cultura/item/8705-%E2%80%9Cil-capitalismo-di-stato-sostituir%C3%A0-quello-del-libero-mercato%E2%80%9D

domenica 29 aprile 2012

Lavoro mobile o scala mobile?

http://goofynomics.blogspot.it/2012/04/lavoro-mobile-o-scala-mobile.html                                                                                                 A partire dalle riforme della scala mobile introdotte a metà degli anni '80 la disuguaglianza fra i redditi, che era andata diminuendo dal 1977 in poi, tornò ad aumentare, raggiungendo nel 1993 il livello di partenza...Le politiche dei redditi degli anni '90 hanno determinato un impatto negativo permanente sui salari reali...Quindi i lavoratori ci hanno rimesso in termini assoluti (salari più bassi) e relativi (più disuguaglianza). Non ricordo proprio chi sia stato l'autore di questo bel capolavoro! Qualcuno se lo ricorda?

lunedì 16 aprile 2012

Un interessante articolo... un punto di vista (legittimo) da prendere in considerazione e col quale confrontarsi per un superamento reale delle divisioni interne che affliggono il movimento comunista in una situazione economica mondiale di gravissima crisi del capitalismo che apre prospettive irripetibili per il suo superamento...

IL PARTITO COMUNISTA (MARXISTA) D’INDIA : DIFENSORE DI STALIN E DELLA RESTAURAZIONE CAPITALISTICA

Di Despal Jayaskera
6 aprile 2012


Per la prima volta dal 1992, il gruppo dirigente del Partito Comunista  d’India (marxista) – il più grande partito stalinista indiano rappresentato  in parlamento e alleato dominante nella coalizione parlamentare/elettorale del Fronte della Sinistra-  ha presentato una risoluzione di carattere ideologico al proprio congresso nazionale.

La precedente risoluzione fu rilasciata in occasione del crollo dei regimi stalinisti in Europa dell’Est  e della dissoluzione dell’Unione Sovietica – in seguito alla fine degli stati burocratico-polizieschi  che il Partito Comunista d’India (Marxista) aveva sempre esaltato  come “il vero socialismo, l’unico realmente esistente”.

Intitolata “Bozza di  risoluzione su alcune scelte ideologiche” la risoluzione ideologica” che verrà sottoposta  questa settimana al 20° Congresso è stata similmente concepita come  risposta alla grande crisi (del capitalismo, ndt)